Interferenze

Considerandosi sempre più maestro e precursore venne poi colto dal desiderio di avere degli allievi affinché il suo pensiero ed il suo metodo potesse avere in futuro il giusto riconoscimento fra i libri di storia. E qui i biografi sono incerti: quale metodo?

Quello chiamato dei “7 sospiri” o quello “Dell’ombelico tremante”?

Oppure ancora “Convulsioni dell’anima e contratture” o “Dissenteria e spasmi dell’inconscio”?

Scrisse (o meglio gli scrissero, visto che la grammatica, la punteggiatura e la sintassi non erano le sue migliori amiche) numerosi pamphlet di scarso successo che però erano i testi sacri della corte di Gurulandia dove i devoti, come li chiamava lui, non potevano esprimere opinioni personali, apportando correzioni o visioni alternative.

Ci fu un giovine adepto che, all’ennesima, ripetuta e trita esternazione sulla visione della realtà, sull’osservatore osservato ecc. non ne poté più ed incautamente disse in tono accorato:

“Ma Maestro se ognuno di noi ha…

View original post 213 altre parole

Annunci