Vertebra dopo vertebra si torna in piedi

caratteristiche-uttanasana

In palestra, in una posizione simile all’immagine, per recuperare la posizione eretta viene detto: “Srotolate lentamente vertebra dopo vertebra e sempre lentamente, respirando tornate in piedi”.

Se questo esercizio è eseguito con cura si prova piacere e si sentono le singole vertebre spostarsi libere verso l’alto. E’ un movimento fluido che lancia messaggi dalla colonna verso la periferia e riceve da questa informazioni.

Srotolare è il passaggio da una posizione chiusa ad una aperta. Lascia i polmoni liberi di riempirsi e svuotarsi e consente di usare al meglio tutti i sensi.

Chi si rivolge a uno Specialista in Relazioni di Aiuto è arrotolato o per questioni esistenziali o per problemi pratici. Prova un senso di oppressione e di confusione. La sua libertà è relegata a piccoli spazi, i respiri sono rapidi, affannosi, alternati a sospiri.

Cosa volere?

Una vita relazionale e lavorativa in equilibrio e armonia. Un io in grado di conoscersi e accettarsi, capace di ricavarsi momenti di relax, di silenzio, di scambio. Un obiettivo può essere diventare un io atletico, pronto a, capace di reinventarsi e di mettersi in gioco in situazioni importanti, mantenendo quelle che sono le sue caratteristiche, il suo intimo.

Quando si va alla ricerca di uno Specialista in Relazioni d’Aiuto il proposito è distendersi, tornare in piedi per riprendere un cammino o per iniziarne uno nuovo, per curiosare nella propria vita alla ricerca di novità utili.

Con un Counselor viene intrapreso un percorso senza regole, leggi e consigli. Si lavora insieme per cercare un bandolo della matassa, una porta d’uscita, per fare venire alla luce nuove possibilità, alternative, un modo diverso di stare nella realtà e di muoversi in essa. Un po’ come imparare a osservare da nuove angolature, alla scoperta di una visione più globale, a 360°. Questi cambiamenti avvengono sempre con calma: vertebra dopo vertebra, lentamente, nodo dopo nodo, respirando.

Tornati nella posizione eretta i piedi saranno saldi a terra, cosicché occhi mente e cuore insieme vedranno intorno, ammirando anche il cielo.

francesco-di-giorgio-martini-uomo-vitruviano
Francesco di Giorgio Martini
“Interpretazione dell’Uomo Vitruviano”, particolare
Annunci